Giacomo Casanova

Il suo nome completo è Giacomo Girolamo Casanova, nasce il 2 aprile del 1725, a Venezia, da una famiglia di artisti teatrali, la madre Zanetta Farussi e il padre putativo Gaetano Casanova calcavano le scene di un famoso teatro Veneziano, il San Samuele di proprietà della facoltosa famiglia Grimani.

Il padre biologico di Giacomo Casanova si chiamava Michele Grimani e faceva parte proprio di questo nobile nucleo familiare (una notizia che Giacomo apprenderà più avanti, tanto da citarla in un suo libro intitolato “Né Amori Né Donne“).

A causa delle assenze lavorative dei genitori, Giacomo passa gran parte dell’infanzia con la nonna materna Marzia Baldissera in Farussi e grazie a lei si abitua sin da piccolo a fare frequenti viaggi.

Giacomo Casanova è dotato di una vivace intelligenza tanto che nel 1742, a soli diciassette anni, si laurea in legge all’università di Padova.

Subito dopo la passione per i viaggi lo spinge fuori dai confini nazionali per visitare luoghi suggestivi come Costantinopoli e Corfù, ma nel 1743 è già a Venezia. Purtroppo questo periodo gli porta anche un grande dolore, la morte dell’amata nonna materna.

Il suo spirito avventuriero lo spinge l’anno dopo a Roma. Qui presta servizio presso il Cardinale Aquaviva e fa molte esperienze sentimentali e linguistiche, impara il francese, una lingua molto in voga in quel periodo, ma è costretto ben presto ad allontanarsi perchè ha imprudentemente nascosto una ragazza nella residenza del cardinale.

Si reca allora ad Ancona, dove s’invaghisce di Teresa, un’avvenente donzella che per sopravvivere e cantare nei teatri, si nasconde dietro le mentite spoglie di un cantante castrato, la conquista e con lei avrà delle avventure anche negli anni successivi.

Giacomo Casanova torna a Venezia e si diletta come suonatore di violino nel teatro dei Grimani. Purtroppo si ritrova a fare l’esperienza del carcere con l’accusa di aver sedotto due monache, ma riesce a evadere e a tornare in Francia. Nel frattempo però incontra Henriette, una nobildonna conosciuta in circostanze abbastanza insolite e che diventerà un punto di riferimento anche negli anni a venire.

Dal 1758 gira parte dell’Europa, arrivando a Bruxelles, Stoccarda, Amsterdam, Londra, Berlino, Mosca, Polonia, Vienna, Parigi, Spagna e Provenza.

Dopo varie peripezie, riceve la grazie dall’inquisizione e torna finalmente a Venezia, è il 1774 e Giacomo Casanova s’ingegna prima a riallacciare le vecchie amicizie e dopo a trovare un modo per sostenersi economicamente. Comincia così a portare avanti la passione per la scrittura e l’anno dopo pubblica la prima parte di una traduzione dell’Iliade. Inizia pure una convivenza con una ragazza del posto chiamata Francesca Buschini.

Nel 1783 è costretto ancora a lasciare la sua amata Venezia, si dirige a Vienna e viene assunto dal conte Waldenstein come bibliotecario. Qui, nel Castello di Dux, trova anche il tempo di scrivere una delle sue più importanti opere: La Storia Della Mia Vita. Muore il 4 giugno 1798.

Trailer del film Casanova – di Lasse Hallström – Disney 2004

venezia041

<p>Storia, eventi e notizie dalla città più bella del mondo</p>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *