IL TEATRO PUÒ…

Lunedì 30 aprile alle ore 21.20 su TV 2000 – canale 28 sul Digitale Terrestre e canale 801 di SKY: IL TEATRO PUÒ… è un video racconto prodotto dalla Fondazione di Venezia e Euterpe Venezia, ideato e realizzato dall’Associazione Culturale Il Tamburo di Kattrin nel 2011, nell’ambito del progetto GIOVANI A TEATRO.

Il teatro si sa, è il luogo della poesia, della creazione, ma soprattutto è il luogo delle possibilità: il teatro può divertire, affascinare, commuovere, insegnare, aiutare a socializzare e abbattere i propri limiti. Ma perché spesso i giovani rimangono lontani da questo mondo? Noia, ambiente “percepito” come legato al passato e la paura di non comprendere, sono i principali timori e stereotipi associati a quest’arte ormai da troppo tempo. Come sfatare questi miti? Strumento utile è rappresentato dal laboratorio: un’esperienza guidata da professionisti che aiuta i ragazzi ad avvicinarsi al teatro e ad acquisirne consapevolezza attraverso approcci differenti come il gioco, il dialogo, la partecipazione di gruppo.

Associazione Culturale TK

Una serie di interviste fatte a giovani e gli interventi di alcuni degli artisti ed esperti che hanno partecipato al progetto nel2009/2010 (Elena Lamberti, Massimo Munaro, Juan Majorga, Jacopo Lanteri, Enrico Castellani, Alessandro Gassman, Maurizio Schimdt, Emanuele Pasqualini, Monica Francia, Filippo Timi, Silvia Gribaudi, Veniero Rizzardi, Cristina Ventrucci, Andrea Porcheddu e Alessandro Bergonzoni).

Un ragazzo a teatro può trovare il modo di cercare. Non ci sono categorie, bisognerebbe tentare di tornare a un’essenza, un’anima, che non ha nulla di giovane, di vecchio, di moderno, di contemporaneo, ma va oltre. L’urgenza del teatro è intima e trascendentale, e porta a cambiare i codici, i modi di pensare.

Alessandro Bergonzoni

Il teatro può… il nulla. Il teatro non può nulla. Forse questa è la cosa straordinaria: è l’unica arte che non lascia rifiuti; proprio per questo, può tutto.

Filippo Timi

Il teatro ha meno possibilità del cinema di far viaggiare con la fantasia perché ha meno mezzi, però ne ha anche di più, perché ha più possibilità di espressione. Credo che anche in tempi di crisi come questi, il teatro avrà la forza di reagire se basato sull’autentica voglia di raccontare delle storie. Io credo che un giovane dovrebbe venire a teatro per riconoscersi, per scoprire, per viaggiare, per sognare.

Alessandro Gassman

Il teatro può tutto e niente. Il teatro può mettere delle condizioni molto forti e rivendicare una necessità radicale; oppure non può nulla, è impotente, non serve a niente. Il teatro può, ma non sempre.

Massimo Munaro

Il teatro può, la televisione no!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *